Chapitombolo

Website: Chapitombolo
Persona di riferimento: Olivia Ferraris
Indirizzo: via Baldichieri 18
C.A.P: 14013
Città: Monale
Stato: Italy
Telefono: 0039 339 4734623
Chapitombolo nasce dall'unione di tre visionarie realtà:
 
La compagnia "Milo e Olivia" opera da 10 anni nel campo del Circo Teatro, con grandi successi nazionali e con tournée in 5 paesi d'Europa. Milo e Olivia ben rappresentano il profilo dell'artista contemporaneo completo ed eclettico. Un attore che sappia al tempo stesso essere acrobata e danzatore per poter esprimere a 360 gradi il proprio potenziale. Milo e Olivia sono infatti autori delle loro opere e, grazie al loro ultimo spettacolo Quisquilia, anche inventori di due innovativi attrezzi di circo.
 
Il "Microcirco Acquarone Ferraris", Circo Teatro Retrò. Compagnia storica, attiva da 25 anni in Italia, di fatto tra i primi a presentare uno spettacolo circense che si allontanasse dalla tradizione e dall'utilizzo degli animali. Tra memoria ed innovazione, "Microcirco" è ritorno dello spettacolo all'antica ma ricco di valori aperti verso il futuro. Un Circo Retrò, che regge sospesi tra stupori e risate, momenti di autentica poesia capaci di annullare la distanza tra attori e pubblico. Rodolfo Ferraris, Carla Acquarone, Colomba Ferraris e Perla Ferraris, sono i componenti attuali della Compagnia. Sono diventate grandi al Microcirco e hanno calcato palcoscenici internazionali, Olivia Ferraris e Viola Ferraris.
 
Lucia Bonato, insegnante e formatrice modello Speedy Gonzales… Non bastano mai le parole per raccontare la sua creatività, né il mondo per definire i suoi confini... Scrittrice di novelle e testi scolastici, traduttrice di poesie e racconti, ha insegnato italiano all'università San Carlos de Guatemala e ora lavora in Egitto presso l'università del Cairo e Al Azhar. Nel suo palmarès, la creazione della Scuola Italiana Pirandello a Città del Guatemala.
 
 
PERCHE' IL NOME CHAPITOMBOLO?
 
In questa semplice parola si nasconde l'essenza del nostro progetto: lo CHAPITEAU , ossia la tenda del circo in francese, e il CAPITOMBOLO, la quintessenza del circo.
 
CHAPITOMBOLO, imparare a rialzarsi con stile!
 
Anche il logo, studiato da Olivia Ferraris e realizzato da Chandy De Falco rappresenta in maniera singolare un circo che fa un capitombolo. Non tutti sappiamo fare un perfetto salto mortale, ma di capitomboli ne abbiamo fatti a bizzeffe!
 
Gli obbiettivi di Chapitombolo.
 
Chapitombolo vuole essere uno spazio per le famiglie e per i giovani in cerca di sogni.
 
Ogni attività sarà proposta ai partecipanti sotto forma di gioco. Essendo il circo infatti una pratica sociale non incentrata sull'aspetto competitivo, stimola ed insegna il rispetto degli individui e delle cose, il riconoscimento della capacità e delle differenze altrui, la convivialità e la voglia d'apprendere, la capacità di osservazione degli altri e di se stessi. Proprio il divertimento e la sospensione di giudizio, saranno la dimensione di partenza per condurre grandi e piccini lungo un viaggio inedito e meraviglioso alla scoperta non solo del circo, ma in definitiva delle proprie possibilità e capacità come essere umano!
 
Vivendo un momento storico in cui le realtà virtuali sembrano essere l'opzione preferita di interazione e comunicazione tra gli uomini, al contrario un laboratorio di circo propone in maniera incisiva un contesto in cui le relazioni si costruiscano sul contatto tattile, percepibile, tangibile, in una veste ludico-motoria squisitamente reale, lontana anche da quel tecnicismo sportivo standardizzato che spesso limita la potenzialità e la creatività umana. La comunicazione diventa così universale e il movimento è il vocabolario comune.
 
Perché Monale……
 
Crediamo fortemente nella bellezza e nel potenziale di questi luoghi, fatto sì di colture, vigneti, allevamento, ma anche e soprattutto di persone e famiglie che si dedicano con generosità e caparbietà al territorio ed a uno spirito di vita sana e in libertà lontano da grandi città che tendono ad estraniare i contatti tra le persone. Proprio il rilancio turistico di queste zone, non può che passare da un rilancio sociale che riesca a trattenere i giovani nelle campagne e non farli fuggire verso le città.
Categoria: Scuole di Circo